Yoshiaki Kawajiri Collection

Tutto ciò che fa spettacolo
Avatar utente
Hokuto.
Utenti Registrati
Utenti Registrati
Messaggi: 492
Iscritto il: 21/12/2010, 20:46

Yoshiaki Kawajiri Collection

Messaggioda Hokuto. » 12/08/2015, 9:24

Yoshiaki Kawajiri Collection
E' un cofanetto che contiene 3 film animati fatti dallo stesso regista.
La città delle Bestie Incantatrici, Demon City, Cyber City Oedo 808.
Io ero interessato essenzialmente al solo Oedo, ma memore degli spot sulle vhs che un poco mi incuriosivano e soprattutto mosso dal costo di 11.24€.
Adesso il cofanetto si trova a 15 e i singoli film a 5€.
Il primo film è vietato ai minori di 18, gli altri 2 ai minori di 14.
Si tratta di film vecchi e tipici del periodo. Nell'impostazione, nel disegno, nella regia. Tutti in 4/3.
Vediamo se questo vecchiume merita di essere visto oppure no.
Partiamo con La città. La trama: bisogna firmare un trattato di pace fra il nostro mondo e il mondo demoniaco. Essenziale per la firma è la presenza di un arzillo vecchietto (fra l'altro italiano!). Pertanto va guardato a vista e difeso dal protagonista, che lavora come guardia del corpo, e da un agente del mondo demoniaco. L'agente in questione è una bella donna che come lavoro di copertura fa la modella (senza grande successo però). Sembra un po' malinconica.
pro e contro. pro: il rapporto emotivo fra le 2 guardie del corpo. Sono tutti e due un po' freddini e distaccati, ma sarà per questo che si riconoscono e nasce il sentimento.
Controoo: banale. Io l'ho trovato forzato e prevedibile. Perciò zero pathos. E a peggiorare le cose il rating: non è vietato ai minori di 18 a caso. I motivi li lascio immaginare: molte scene scivolano e sembrano fatte apposta per scivolare nello squallore di un moderato porno.
Qualcuno avrebbe dovuto insegnare al regista che se invece di indugiare e ricercare queste scene, si impegnava per rendere un'azione più avvincente, il suo film sarebbe certamente stato apprezzato di più.

Demon City
Un tizio esperto spadaccino si vende al lato oscuro dei demoni e perciò affronta un compagno d'armi, in teoria il migliore della scuola. Quello malvagio si giova di una potente spada. Grazie ai poteri di questa vince, fa a fette mezza Tokyo creando spaccature che viste dall'alto si vede che formano un pentacolo gigantesco come la città e in particolare il quartiere di Shinjuku subisce un forte terremoto e viene invaso dalle forze oscure e isolato dal resto del mondo.
Dieci anni dopo arriva a Tokyo il Presidente mondiale che dovrebbe fungere da mediatore. Lo accompagna la bella figlia. Ed è lei insieme al figlio dello spadaccino buono che cercheranno di fermare i demoni.
pro: un po' di azione come si deve.
contro: ma molta è ancora isufficiente. Come prima, prevedibile e poco pathos.

Cyber City
Tokyo del futuro: Oedo. Anno 2808. Tre detenuti con pene secolari fanno un patto con la polizia: Partecipano come forze speciali contro il crimine e per ogni caso risolto vengono premiati con sconti di pena.
Un collare esplosivo garantisce il rispetto del patto, oltre ad essere usato attivamente come pungolo per eseguire la singola missione entro breve tempo pena bum.
Allora, tre protagonisti e tre episodi. Tutti e tre sono attivamente presenti in tutti gli episodi, però per ogni episodio, uno dei tre emerge come protagonista.
C'è azione, horror, noir.

Pro: wow finalmente della buona azione. Molto buona e buon pathos. Anche il contorno è vivace. Il linguaggio è un po' forte, che è un pro e un contro allo stesso tempo.
Il primo episodio mi ha ricordato Ghost in the Shell 2 con un'ottima fotografia e scenografia. Anche il terzo episodio si difende bene in questo senso.
Contro: Neanche in questo caso mancano le forzature, ma sono poche e in generale hanno un peso specifico assai basso. Si, è un contro, ma non particolarmente pesante, anzi. Si può sorvolare tranquillamente. Il secondo episodio ha tanta tanta azione, a volte un po' forzata e mediocre. Giudizio complessivo in ogni caso più che sufficiente per questo episodio.

Per concludere sconsiglio il cofanetto (dynit mi odierà per questo) e i mostri demoniaci e consiglio caldamente Oedo.


Qui c'è una recensione. L'ho letta dopo. Io ho valutato i film che ho visto e non quello che avrebbero dovuto essere. Non mi sono messo a fare un confronto serrato, mi interessava solo ascoltare la sigla di Oedo e perciò ho fatto partire la traccia giapponese e ne ho ascoltato qualche frammento. Mi è sembrato avere decisamente un altro livello di cura (per la sigla però ho preferito quella della traccia italiana).

http://anime.everyeye.it/articoli/recen ... -6833.html

Avatar utente
Impe
Fondatore
Fondatore
Messaggi: 18545
Iscritto il: 10/08/2005, 11:07

Re: Yoshiaki Kawajiri Collection

Messaggioda Impe » 12/08/2015, 13:25

Io ho visto solo DEMON CITY e posso dire che in linea di massima concordo con le tue impressioni.
Premettendo che è il classico film d'animazione degli anni '80, dove sovente si mescolavano più generi, in questo caso horror, azione e fiumi di sangue. Le animazioni le ho trovate buone, si difendono ancora dopo tutti questi anni e alcune scene sono fatte davvero bene (tipo quella dello scontro in metropolitana). La trama è sempliciotta, cosa che penalizza sicuramente l'opera. Non è un capolavoro, ma comunque un OAV che si lascia vedere.
To escape the world I've got to enjoy that simple dance. And it seemed that everything was on my side...

Avatar utente
Hokuto.
Utenti Registrati
Utenti Registrati
Messaggi: 492
Iscritto il: 21/12/2010, 20:46

Re: Yoshiaki Kawajiri Collection

Messaggioda Hokuto. » 13/08/2015, 0:24

Se vuoi dare un occhio a Oedo, anche 5 minuti, si trova in inglese sul tubo.
per agevolare...

Approfitto per sottolineare che in questo film sono presenti costruzioni di altezze impossibili, tipo quelle che fa Tsutomu Nihei, che potrebbe essersi ispirato a Oedo per certe idee (anche se penso sia perlopiù una coincidenza).

Avatar utente
Impe
Fondatore
Fondatore
Messaggi: 18545
Iscritto il: 10/08/2005, 11:07

Re: Yoshiaki Kawajiri Collection

Messaggioda Impe » 18/08/2015, 16:37

Hokuto. ha scritto:Se vuoi dare un occhio a Oedo, anche 5 minuti, si trova in inglese sul tubo.
per agevolare...

Approfitto per sottolineare che in questo film sono presenti costruzioni di altezze impossibili, tipo quelle che fa Tsutomu Nihei, che potrebbe essersi ispirato a Oedo per certe idee (anche se penso sia perlopiù una coincidenza).


In quegli anni lì, a cavallo tra anni '80 e '90, certe scelte stilistiche erano molto comuni.
To escape the world I've got to enjoy that simple dance. And it seemed that everything was on my side...


Torna a “Musica, Cinema e TV”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti